Come salvare un cucciolo di capriolo dalla falciatrice

cucciolo capriolo
Come salvare un cucciolo di capriolo dalla falciatrice Reviewed by on . Rating: 3.5

In maggio-giugno le femmine di capriolo partoriscono, nei boschi o nei campi di erba, i loro cuccioli solitamente due gemelli.
I cuccioli non devono essere mai toccati o presi, la madre infatti non li abbandona ma si allontana solo temporaneamente da loro per distrarre i predatori e per nutrirsi, ma torna successivamente per allattarli.
Se si trova un piccolo di capriolo o di daino nascosto nell’erba quindi non bisogna pensare che sia orfano e non bisogna toccarlo, se lo si fa infatti la madre, sentendo l’odore dell’uomo, lo abbandonerebbe.

Purtroppo però il mese di giugno coincide anche con la falciatura dei campi di fieno, difficile per l’agricoltore riuscire a vedere i piccoli nascosti e ben mimetizzati nell’erba alta, che rischiano quindi di venire gravemente feriti e uccisi.

Se abitiamo in una zona dove ci sono caprioli e il nostro campo è nei pressi di un boschetto, o se sospettiamo che ci possano essere dei cuccioli nascosti in pericolo (ad esempio abbiamo notato la femmina che si aggira nei paraggi) allora è opportuno perlustrare con attenzione tutto il campo prima che venga falciato, per evitare un’atroce sofferenza ai piccoli.

Al mattino del taglio occorre partire in squadra, fianco a fianco si avanza lentamente nel campo osservando con attenzione il suolo per scovare i cuccioli, occorre fare molta attenzione perché i cuccioli si nascondono e non fanno alcun rumore, se troviamo un piccolo questo va coperto con una cassetta sufficientemente grande e forata, poi si cerca il fratellino che sarà nelle vicinanze e si mette al sicuro anche lui, se lo si deve necessariamente spostare occorre strappare dell’erba e raccoglierlo con quella per non lasciare l’odore delle proprie mani, mai toccarlo a mani nude!

Ora occorre attendere che l’erba venga tagliata solo quando il trattore si è allontanato allora si può togliere la cassetta che protegge i cuccioli e lasciarli liberi.Se sono molto piccoli resteranno fermi se sono più grandi scapperanno a gambe levate!

Un altro metodo consiste nel legare dei sacchi a bastoni alti un paio di metri sia nel campo sia al margine del bosco in modo che facciano rumore con il vento, la speranza è quella di creare un ambiente ritenuto minaccioso dalla madre cosi da indurla a spostare i cuccioli.

La Guida ti è stata utile?

Allora ti consigliamo di dare un'occhiata anche al nostro sito (sponsor)

Tag

Altre Guide che potrebbero interessarti