Come prendersi cura delle tartarughe d'acqua

tartaruga d'acqua
Come prendersi cura delle tartarughe d’acqua Reviewed by on . Rating: 3.5

La Trachemys Scripta Elegans è tra le tartarughe acquatiche più diffuse le femmine raggiungono i 30 centimetri mentre i maschi sono un po’ più piccoli. Le tartarughe d’acqua necessitano di molte cure e attenzioni e di un habitat idoneo per poter crescere sane.

Come fare

  1. Se decidete di prenderne alcune dovete per prima cosa acquistate la gabbietta con un habitat acquatico ed uno terrestre, le tartarughe infatti respirano con i polmoni e necessitano quindi di un ambiente fuori dall’acqua facilmente accessibile. Fondamentale la presenza di un depuratore con filtro per mantenere pulita e depurata l’acqua e di un termoregolatore per mantenere costante la temperatura dell’acqua, nell’ambiente acquatico potete inserire sassolini e piante mentre l’habitat terreste, costituito da sabbia o terriccio, deve essere dotato di una lampada per riscaldare le tartarughe.

  2. La vaschetta delle tartarughe deve essere ampia per permettergli di muoversi e nuotare, non costringetele in un minuscolo spazio angusto!

  3. Ricordate inoltre di pulire regolarmente, almeno una volta al mese, l’acquario: togliete il depuratore e lavatelo sotto l’acqua corrente senza usare detersivi, aiutandosi con una spugnetta per le parti più incrostate. Pulite anche il termostato sotto l’acqua e i sassi e le decorazioni interne. Ora rimettete il depuratore e fategli pulire l’acqua al termine dell’operazione potrebbe essere necessaria una nuova pulizia del depuratore.

  4. Per crescere nel modo ottimale le tartarughe hanno bisogno di un’adeguata alimentazione, per quanto riguarda le specie onnivore durante la fase di crescita necessitano di un maggior apporto di proteine e grassi mentre da adulte la loro alimentazione è più vegetariana. In inverno il loro metabolismo è più lento mentre aumenta con il caldo estivo. Importante anche l’apporto di calcio e di vitamina D3 per il corretto sviluppo osseo e del carapace nonché l’esposizione ai raggi solari o ad una lampada UV-B. Le tartarughe sono molto voraci non abbondate troppo nell’alimentazione, i giovani in linea di massima vanno alimentati una volta al giorno lasciando un giorno di digiuno mentre gli adulti ogni due giorni.

La Guida ti è stata utile?

Allora ti consigliamo di dare un'occhiata anche al nostro sito (sponsor)

Tag

Altre Guide che potrebbero interessarti