Come allevare un coniglio nano

coniglio cure
Come allevare un coniglio nano Reviewed by on . Rating: 5

I conigli nani sono animali simpatici, dolci ed affettuosi che per le loro ridotte dimensioni (pesano mediamente solamente 1,5 kg) vengono allevati come animali da compagnia. Accudire un coniglio nano è relativamente semplice ma occorre prestare attenzione ad alcune regole fondamentali.

Come fare

  1. La gabbia del coniglio nano deve essere di dimensioni appropriate in modo da permettere all’animale di muoversi comodamente, il fondo non deve essere a rete, la rete infatti potrebbe causare gravi lesioni alle zampe. Optate per gabbie con fondo in plastica facile da rimuovere e da pulire con acqua calda, posizionate la gabbia in un luogo tranquillo, non umido e riparato, lontano da correnti d’aria, caloriferi e televisore. Non tenete sempre il coniglio in gabbia ma lasciatelo libero di muoversi tenendolo però d'occhio .

  2. L’alimentazione è fondamentale per la buona salute del coniglio oltre alla ciotola dell’acqua fresca (prendetene una pesante in ceramica per evitare che la rovesci) deve sempre avere a disposizione il fieno secco. Fornitegli anche frutta e verdura cruda pulita dalle parti guaste e mai surgelata, mele, carote, finocchio, sedano, insalata a coste (belga, radicchio, invidia) ben lavate ed asciugate. Evitate il pane secco che contenendo amido può provocare fermentazioni.

  3. La verdura è importantissima per la buona salute del coniglio in quanto ricca di acqua, fibre, sali e vitamine, fornite al vostro amico un piatto con 3-4 tipi di verdura diversi (solitamente per un coniglio di 2 kg si forniscono 300 g di verdure al giorno suddivise in due pasti).

  4. Per quanto riguarda la frutta va somministrata con moderazione in quanto ricca di zuccheri una o due volte a settimana come premio. Private la frutta dei semi che possono essere tossici.

  5. Potete fornire al coniglio anche un paio di cucchiai di pellet purché sia di ottima qualità, evitate quello colorato, con semi di girasole o cereali, ma scegliete quello fatto con sola erba, fieno e vegetali, costa un po’ di più ma è molto più salutare.

  6. Evitate cibi con cereali, granaglie, carrube o contenenti farmaci, pane biscotti e pasta.

  7. Quando prendete un coniglio nano assicuratevi che sia in buona salute, deve essere vispo, deve mangiare e non deve presentare croste sulle orecchie, scoli nasali o oculari ed il manto deve essere lucente.

  8. Portate poi il vostro nuovo amico dal veterinario per una visita generale e per le vaccinazioni, le principali sono quelle contro la malattia emorragica virale (MEV) e la mixomatosi. La prima è una malattia virale causata da un calicivirus che colpisce solo il coniglio e nessun altro animale, è una malattia infettiva acuta che causa lesioni polmonari ed epatiche. La mixomatosi è anch’essa una malattia virale molto contagiosa causata da un Poxivirus che contagia i conigli e a volte le lepri, si manifesta con arruffamento del pelo, febbre, abbattimento, noduli, congiuntivite muco purulenta.

  9. Per contenere l’aggressività dei maschi o per evitare che marchino il territorio potete ricorrere alla sterilizzazione, tale procedura è consigliata anche nelle femmine per diminuire la probabilità di malattie quali tumori e per ridurre l’aggressività.

La Guida ti è stata utile?

Allora ti consigliamo di dare un'occhiata anche al nostro sito (sponsor)

Tag

Altre Guide che potrebbero interessarti